0583 587484
Ignora collegamenti di navigazioneHomepage Nido Educatrici

Educatrici

Le nostre educatrici hanno tutte i requisiti e i titoli di specializzazione previsti dalle norme vigenti della regione Toscana, pluriennale esperienza nel settore, passione e dedizione per l’ attività che svolgono. Per tutta l' equipe è prevista una formazione continua unitamente ad incontri periodici di verifiche e controlli in itinere della programmazione.


Inoltre essendo Nido Accreditato, le educatrici partecipano assieme alle educatrici comunali anche ai corsi formativi organizzati dell' Ufficio Servizi Educativi del Comune di Lucca. L’ intervento educativo–didattico delle nostre educatrici mette al centro i bisogni e i desideri delle bambine e dei bambini, le loro caratteristiche personali, facendo estrema attenzione agli aspetti peculiari della fase di sviluppo psico–fisico in cui si trovano.


Al Nido Il Cucciolo è prevista la presenza di personale differenziato per funzioni (educativo e ausiliario), tenuto conto dell’effettiva frequenza degli utenti e del rapporto numerico personale/bambino frequentante, tenendo conto del complessivo orario di apertura e dell’articolazione delle sezioni. Il personale educativo provvede in maniera collegiale a curare la programmazione educativa, a proporre materiale e attrezzature didattiche. Il personale ausiliario provvede a supportare le attività didattiche, al riordino e alla pulizia degli ambienti.


Durante l’ anno educativo sono previsti i tirocinanti della scuola superiore Matteo Civitali con indirizzo di tecnico dei servizi sociali e dell’Università degli Studi di Firenze: Facoltà degli studi umanistici e della formazione.


Il Ruolo dell’ adulto


L’azione educativa diviene anche per gli adulti non soltanto una trasmissione di saperi e conoscenze, ma in un contesto di ‘ascolti plurimi’ diviene momento di scambio reciproco, di valorizzazione e arricchimento personale. L’educatore si affianca al bambino come ricercatore: compito degli educatori è creare e proporre contesti in cui non è solo l’esito finale che interessa ma l’osservazione e l’ascolto dei percorsi e dei processi di apprendimento dei bambini, sia individuali che di gruppo.


Ruolo e funzione dell’ educatore


La professionalità dell’educatore va emergendo da una approfondita riflessione sul mondo dell’infanzia e dei suoi bisogni di conoscenza, comunicazione, espressione. Alcuni punti che la caratterizzano:

· l’attenzione all’inserimento graduale del bambino;

· la riflessione sulla delicatezza della condivisione delle cure fra famiglia e nido, nel rispetto della centralità della famiglia e della storia personale di ogni bambino;

· l’osservazione del bambino finalizzata ad accompagnarlo nel suo percorso di crescita individuale, favorendo il consolidarsi della sua identità attraverso il gioco e altre attività educative;

· l’attenzione verso un’articolazione del proprio lavoro capace di tenere conto dei bisogni del bambino, ma anche di sostenere i genitori, accettando le emozioni spesso contradditorie che accompagnano il primo processo di autonomia e di stacco tra bambini e genitori;

· la capacità di progettare l’ambiente e di proporre esperienze che assecondino lo sviluppo sociale e cognitivo, secondo i ritmi di ogni bambino.


Quando tale ruolo è pazientemente e accuratamente costruito, anche attraverso una formazione permanente a livello sia individuale che di gruppo, si perviene al consolidamento di una professionalità specifica, attenta nel contempo al bambino e alla sua famiglia, consapevole delle complesse dinamiche relazionali quotidianamente messe in atto fra sé e il bambino/bambini, con le colleghe del collettivo e con le famiglie; professionalità, infine, che è capace di coniugare ciò che è relazionale con ciò che è cognitivo. Si delinea, quindi, una professionalità capace di operare una sintesi tra i diversi ambiti: un sapere, di cui l’educatore è portavoce, che non guarda solo a tecniche e metodologie, di cui comunque deve essere attento conoscitore, ma che si esplica anche in un “saper essere”, in un “saper interagire”, in un “saper fare”.


Ruolo e funzioni dell’operatore ausiliario


L’operatore ausiliario è la figura di supporto all’educatore. Aiuta nel pranzo, nel cambio, nelle uscite, nella preparazione della nanna e nella sistemazione delle sezioni. 

Richiesta Info

Scuola di interesse
v
Invia